LabRIEF

Laboratorio di Ricerca e Intervento in Educazione Familiare

I Laboratori Territoriali

A seguito di 6 anni di sperimentazione del Programma, si sono sviluppate, negli Ambiti Territoriali che hanno avuto modo di prendere parte ad almeno una sperimentazione, esigenze di implementazione diversificate rispetto a quelle degli Ambiti Territoriali (AT) che si apprestano a sperimentare il Programma per la prima volta. Molte di queste esigenze sono relative a garantire trasferibilità all’expertise acquisita, avviando percorsi formativi e post-formativi nonché azioni innovative nel lavoro dei servizi, volte a integrare gli elementi chiave del metodo e dell’organizzazione di P.I.P.P.I. negli assetti tecnici, organizzativi e istituzionali, in maniera stabile.

Per garantire a ciascun territorio di realizzare una progressiva autonomia nel promuovere e innovare la progettualità di P.I.P.P.I. si promuove la costruzione di una struttura laboratoriale di riferimento per l’AT che consenta di capitalizzare le competenze acquisite nelle prime implementazioni. Questa struttura, denominata “Laboratorio Territoriale - LabT”, è composta dai soggetti già coinvolti nel coordinamento operativo e nelle attività di P.I.P.P.I. all'interno dell'AT e svolge la funzione di promozione e mantenimento dell’innovazione promossa dal Programma, attraverso l'impegno nella rilevazione dei bisogni formativi locali, la realizzazione di attività formative e l'utilizzo delle informazioni provenienti dalla sperimentazione e quindi dalla ricerca per garantire un processo costante di valutazione e innovazione delle pratiche all’interno di servizi integrati.

Per saperne di più sui LabT guarda questo video!

 

Che funzioni svolge il LabT?

  • valuta e innova le progettualità proposte dall’AT attraverso il metodo valutativo promosso in P.I.P.P.I. (detto della valutazione partecipativa e trasformativa);
  • assicura che i singoli AT aderenti al livello avanzato dispongano dell’expertise per gestire i processi di formazione e di valutazione in maniera competente e progressivamente più autonoma.
  • promuove azioni di formazione, valutazione e promozione dell’innovazione

Da chi è composto il LabT?

  •  Coach
  • Formatori
  • Referenti di AT
  • Tutor del Gruppo Scientifico LabRIEF

Cos'è il Progetto d'Innovazione?

Il Progetto d'Innovazione è da intendere come strumento orientativo rispetto alle ipotesi progettuali che il LabT considera come possibili. Il Progetto d'Innovazione riprende la struttura della micro-progettazione già utilizzata nelle EEMM con le famiglie e si propone come luogo in cui far convergere l'idea progettuale del LabT da attuare nel corso dell'implementazione di P.I.P.P.I.. Il progetto è individuato in seguito alle riflessioni e alle discussioni svolte nel LabT, a partire dalla lettura e completamento del Dossier d'Ambito contenente dati e informazioni relativi alle ultime implementazioni concluse del Programma.

Il Progetto d'Innovazione può essere costruito intorno a due nuclei di innovazione, da considerare singolarmente o anche in integrazione:   

1. azioni di approfondimento conoscitivo rispetto a una o più aree di interesse individuate nel Dossier d'Ambito.

2. azioni di miglioramento di pratiche attualmente in corso nell'AT e individuate a partire da una o più aree di interesse individuate nel Dossier d'Ambito.

 

Cosa sono le Giornate di Approfondimento Residenziale?

Le Giornate di Approfondimento Residenziale (GAR) in AT sono pensate per permettere agli Ambiti di avere a disposizione i tutor del Gruppo Scientifico (GS) nei processi di scambio, riflessione, negoziazione dei LabT al fine di apportare ulteriori dati come base della discussione. Tali giornate si svolgono in numero di due e vedono la presenza dei tutor del GS nei territori degli Ambiti.